Mollens (Svizzera), 19 settembre 1980 

Chiara Lubich ha in più circostanze affermato che è proprio della spiritualità dell’unità «imparare dai santi, farci figli di loro, per partecipare dei loro carismi». Qui legge una poesia della grande Teresa d’Avila, che come i santi di ogni epoca è rimasta nei suoi scritti a continuare a fare il bene con parole che profumano di eterno.  

(…)

C'è una poesia di Teresa d'Avila scandita dal ritornello: "Dimmi che vuoi da me, dimmi Signore". E' un'espressione di questa "indifferenza" o, meglio, dell'abbandono assoluto al volere divino.  Eccone qualche strofa: 
"Sono nata per Te, per Te (è) il mio cuore.  
Dimmi che vuoi da me, dimmi, Signore!  
[…]  
Vita o morte, trionfo oppur infamia,  
infermità o salute,  
sia che in pace Tu mi voglia o in orride  
pene continue e acute,  
tutto accetta e gradisce questo cuore:  
Dimmi che vuoi da me, dimmi, Signore!

Dammi ricchezza o in povertade astringimi,  
inferno dammi o cielo,  
vita sepolta fra più dense tenebre  
o senza velo:  
a tutto mi sommetto, o sommo Amore:  
Dimmi che vuoi da me, dimmi, Signore!  
L'alma, se vuoi, di gioia inalterabile  
oppur d'assenzio inonda;  
divozione, orazione, ratti ed estasi  
o siccità profonda:  
nel tuo volere trova pace il cuore:  
Dimmi che vuoi da me, dimmi, Signore!  
[…]  
Sono nata per Te, per Te il mio cuore.  
Dimmi che vuoi da me, dimmi, Signore!"   

testo

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.