Natale 1975

Natale: qual è il suo significato più profondo, che tutti li compendia? È il «misterioso, incredibile massaggio che Dio ci ama, ad uno ad uno e tutti insieme». Un pensiero di Chiara Lubich.    

Natale, Natale, 
quante volte
t’abbiamo festeggiato 
con gioia pura 
e calore unico!  
ma il nostro cuore
è così indurito
dal freddo del mondo
che tu non sei riuscito
a marcarlo come si doveva
del tuo misterioso
incredibile messaggio: 
DIO CI AMA 
ad uno ad uno
e tutti insieme.

Il suo amore ci ha avvolto
fino al punto da far decidere
la Trinità beata
a mandare fra noi 
fatto uomo 
il Figlio Dio
perché il nostro breve
cammino terreno
fosse illuminato
già sin d'ora
dalla Luce
che non ha tramonto
e l'assurdo morire in questa vita
si trasformasse
in semplice passaggio
alla vita più piena
ed eterna!  

Che almeno quest'anno
tu, Natale, 
dica ai nostri cuori 
quanto vuoi dire
e noi eccoci pronti
ad accoglier la tua voce.  

Città Nuova, 19 (1975), n.24, p.33

testo

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.