Convegno su “Il dire è dare”

DireIlDareAd approfondire la figura di Chiara, anche sotto il profilo linguistico letterario, è dedicato il Convegno internazionale su “Il dire è dare” (C. Lubich). La parola come dono e relazione, che si svolgerà a Castelgandolfo (Roma) dal 10 al 12 aprile 2015. Ne è promotore, in collaborazione con il Centro Chiara Lubich, il Gruppo di ricerca e di studio della Scuola Abbà  dell’area linguistico-letteraria.Il Convegno è aperto a quanti per studio, professione o interesse culturale si occupano di scienze del linguaggio, filologia, letteratura e scienze della traduzione.

pdf scarica la brochure

 

Giornate di studio: Paolo VI e Chiara Lubich

Due grandi personaggi nella recente storia della Chiesa

Paolo VI con Chiara Lubich«La questione che ci occuperà in queste giornate rappresenta uno snodo decisivo della storia della Chiesa cattolica nel Novecento»: così don Angelo Maffeis, presidente dell ’Istituto Paolo VI di Concesio (BR) , ha introdotto i lavori delle giornate di studio dal titolo «Paolo VI e Chiara Lubich: profezia di una Chiesa che si fa dialogo», promosse dall’Istituto in collaborazione con il Centro Chiara Lubich il 7 ed 8 novembre 2015 a Castelgandolfo. 

Leggi tutto...

La politica come amore

politics for unityIl 14 marzo 2015 ricorre il 7° anniversario della morte di Chiara Lubich  (1920-2008)   e sarà ricordato approfondendo l’incidenza del pensiero della Lubich nella sua dimensione politica. 

Certo, riproporre oggi gli ideali di amore e di fraternità in politica  può sembrare quanto mai fuori luogo. Eppure Chiara Lubich ha attraversato il “secolo breve” (nella  definizione dello storico Hobsbawm)  tra le due guerre mondiali, la Shoah, i genocidi nelle Terre dei Grandi Laghi e nei Balcani e, più in là, della globalizzazione del terrorismo e dell’indifferenza. 

Le parole che seguono, pronunciate da Chiara Lubich a Madrid il 3 dicembre 2002 in un simposio del Movimento Europeo, risultano una visione capovolta del concetto del potere in politica, e risuonano come profezia forte di un ideale, quello dell’unità, sorretto dalla spiritualità che Chiara Lubich ha donato al mondo.     

Leggi tutto...

Saggio sul rapporto tra Chiara Lubich e Padre Leone Veuthey

“Un incontro di fondatori nella storia della Chiesa, caratterizzato dalla comunione e dal discernimento della via particolare indicata da Dio ad ognuno, (…), in una capacità di andare al di là del proprio particolare e guardare al bene dell’intera compagine ecclesiale e dell’umanità”: questa la chiave interpretativa dei rapporti intercorsi tra Chiara Lubich ed il padre francescano conventuale Leone Veuthey, entrambi Servi di Dio, oggetto di una recente ricostruzione storica da parte della dott.ssa Lucia Abignente pubblicato sulla Miscellanea Francescana, n.114 (2014), con il titolo L’unità: un comune sentire nello Spirito. Una riflessione sul rapporto tra Chiara Lubich e P. Leone Veuthey alla luce di documenti inediti. 

Leggi tutto...

Premio Chiara Lubich per la fraternità

PremioFraternita-pLa Sala della Protomoteca in Campidoglio, sede del Comune di Roma, ha accolto il 17 gennaio 2015 la sesta edizione del Premio Chiara Lubich per la Fraternità alla presenza di autorità civili e religiose e delle delegazioni delle città premiate.
La città di Cannes, Francia, è vincitrice del primo premio per aver accolto e sostenuto il progetto VEAC (Vivere insieme a Cannes)  in cui cittadini di diverse provenienze, culture e religioni si sono impegnati per iniziative comuni atte a favorire la reciproca conoscenza e a incrementare rapporti di amicizia e di fraternità.

Leggi tutto...

Sottocategorie

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.