MontfortLogoIl 2 e 3 giugno scorsi, si è tenuto all’università cattolica di Angers un seminario su San Luigi Maria Grignion de Montfort, dal titolo « Follia e Sapienza. Risorse spirituali e missionarie per un rinnovamento apostolico », in occasione delle celebrazioni del terzo centinaio della morte.
Erano presenti rappresentanti di tutta la famiglia montfortana, e cioè La compagnia di Maria, le Figlie della Sapienza e i Fratelli di San Gabriele. 

Il programma esponeva la spiritualità monfortana, la sua attualità, la sua pedagogia missionaria, attraverso interventi di teologi, storici ed esperti.

Come Centro Chiara Lubich siamo stati invitati a dare una testimonianza sui legami spirituali e teologici tra il santo di Montfort e Chiara Lubich.
Nel suo intervento, Florence Gillet ha potuto presentare alcuni addentellati tra queste due figure carismatiche, iniziando col dire che Chiara Lubich attingeva volentieri citazioni da Montfort, “perché – diceva – è un santo che si è formato in Maria”.

Montfort ha scritto molto sulla centralità della croce, e Chiara lo ha più volte citato: nel suo diario, in discorsi ai suoi (commentando nel 1964 il libro di Montfort L’amore dell’eterna sapienza). 
Nel 1972 – anno dedicato ad approfondire nel Movimento l’aspetto di Gesù abbandonato, Chiara aveva mandato personalmente a tutti i focolarini il libretto intitolato “Lettera agli amici della Croce”.

Florence Gillet ha centrato l’intervento sul ruolo di Maria nell’economia della salvezza in Montfort e in Chiara. È venuto in evidenza quanto i due autori si facciano eco a vicenda, quasi che Chiara attualizzasse il pensiero di Montfort con il suo “La voglio rivedere in te”, espresso nella nota meditazione; o, ancora, con la scoperta sconvolgente del ’49 di Maria “Madre di Dio”; o con l’affermazione audace espressa negli Statuti, secondo la quale l’Opera “desidera essere – per quanto è possibile – una presenza [di Maria] sulla terra e quasi una sua continuazione”.

Per tutti i presenti – religiosi e laici – ma anche per i professori che avevano preso la parola durante la giornata, queste poche pennellate sono state di grande luce.
Il responsabile del Convegno dell’Università cattolica di Angers riconosceva nei frutti di carità, pace e fede maturati in quei giorni una grazia di Maria, e un’atmosfera diversa dagli altri convegni.

  pdf Depliant originale in francese (2.38 MB)  

 

buca delle lettere

Contact Icon

Saremo grati a quanti ci faranno pervenire ricordi, documenti inediti, foto... per arricchire l'archivio di Chiara Lubich.
per inviarceli subito

chi è online

Abbiamo 151 visitatori e nessun utente online

login staff

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.