Maggio 2003

Berlino, 31 maggio 2003

In questo discorso all’Ökumenischer Kirchentag Chiara Lubich definisce l’uomo “capolavoro” di Dio e tratteggia le caratteristiche della capacità di relazione che lega in modo unico l’umanità con il suo Creatore.