“La Luce va data”. Meditazioni di Chiara Lubich: prima edizione critica

“La Luce va data”. Meditazioni di Chiara Lubich: prima edizione critica

La collana “Studi e Documenti”, promossa dal Centro Chiara Lubich, offre al lettore il suo quarto volume dal titolo “La Luce va data” contenente una novità assoluta: la prima edizione critica del libro Meditazioni di Chiara Lubich.
Una edizione critica: uno studio che si propone cioè di rileggere, in modo scientifico, i primi 58 scritti chiariani pubblicati come “libro”, per “andare alle fonti” e scoprire la genuina ispirazione originaria di ciascuno di essi, la novità di vita proposta, le ragioni di un fascino che ha accompagnato le 29 edizioni di Meditazioni lungo un arco di tempo esteso dal 1959 a tutt’oggi.
La Luce permea in modo più o meno esplicito tutti gli scritti di Chiara Lubich, ma nello specifico di questo lavoro, l’immagine è tratta da un breve ed intenso testo:
“Due cose vanno tenute segrete e sono l’amore e il dolore: perché l’amore è l’amore col quale Egli mi ama o Si ama in me, ed il dolore è l’amore col quale io Lo amo.
La Luce va data ed è pur questo: amore”.
L’edizione critica raccoglie questa pro-vocazione. Dopo un’ampia introduzione, in cui l’autrice dello studio illustra e giustifica ampiamente le scelte metodologiche assunte, il volume offre un Corpus Centrale, contenente i singoli testi corredati di apparato critico – come si conviene, del resto, a studi di questo taglio – che presenta e apre piste di approfondimento di notevole interesse linguistico-filologico-letterario e non solo. Studiando la genesi e le fasi evolutive di ogni scritto – in un gioco che chiama in causa autografi, dattiloscritti, pubblicazioni parziali di testo -, cerca di evidenziare come Chiara Lubich abbia saputo calarsi di volta in volta nelle vicende dell’umanità per donare in pienezza, anche attraverso i suoi scritti e proprio attraverso gli scritti, la luce tipica del Carisma di unità. Non meno preziose le Appendici Storiche dalle quali si può evincere l’interessante, avventuroso itinerario percorso dagli scritti di una donna portatrice di un Carisma fortemente innovativo e dirompente nell’epoca da lei vissuta.
Un Carisma che la Chiesa le ha ampiamente riconosciuto. Lo dimostra oggi anche la Prefazione del card. Gianfranco Ravasi all’ultima edizione di Meditazioni riproposta, per la sua intensa profondità, in apertura del presente volume.

Alba Sgariglia
(Centro Chiara Lubich)

M.C. Atzori, “La Luce va data”. Meditazioni di Chiara Lubich: prima edizione critica, Città Nuova, Roma 2021.

31 Marzo 2021

2021-03-31T23:09:03+02:0031 Marzo 2021|